Vuoi essere un vero rivoluzionario?Coltiva il tuo orto e il tuo cibo!

“Qui non ci sono bombe che cadono dal cielo,ne’ tempeste di fuoco che illuminano i paesaggi urbani la notte.

Nel  silenzio semplicemente le masse marciano verso le loro morti, un pasto per volta, come un treno merci pieno di inutili mangiatori che si incammina verso Auschwitz..

Ci sono enormi profitti che vengono fatti prima dall’avvelenamento delle masse  e poi dal trattarle per gli effetti collaterali di tale avvelenamento.

La via d’uscita in tutto questo è coltivarsi il proprio cibo, o almeno comprarlo il più possibile da coltivatori locali.

Il futuro della civiltà umana appartiene quasi certamente ed esclusivamente a coloro che coltivano il proprio cibo, o si accordano perché altri lo coltivino per loro.

E tu cosa fai?Informati! Presta attenzione al cibo che acquisti!

L’alternativa è finire vittima di questa guerra insidiosa e deliberata contro la vita, la salute e la sanità mentale.”M.A.

 

Continue Reading

E mo’ basta! Finché sei in casa nostra cara Total il lavoro spetta a noi.

La gente del posto,in Basilicata,ha diritto di lavorare, in casa propria, prima di tutti gli altri!

Almeno il lavoro! Dopo tutti i guai che il Petrolio ci ha portato!?

E da oggi in poi pretendiamo, e pretenderemo, con forza,che vengano applicate e rispettate tutte le normative più rigide in tema di salvaguardia ambientale e di tutela della salute pubblica.

1 Da oggi in poi, care lobbies del Petrolio, a Tempa Rossa, vi comporterete per ciò che siete realmente: Ospiti, e non padroni.

 

 

Continue Reading